Il romanzo, l’intreccio, l’arte. Intervista a Grazia Previato

Grazia Previato e "I colori di un'idea", romanzo ambientato nella Barcellona di GaudìQuando e perché ha iniziato a scrivere?

Ho iniziato tardi, sentivo che dovevo farlo per tirare fuori quello che avevo dentro in quel momento, la scrittura mi sembrava il mezzo idoneo al mio bisogno.

Vuole parlarci del libro che ha pubblicato, I colori di un’idea, pubblicato dalla editrice Arcari?

È un romanzo d’intreccio, prendo a pretesto un progetto architettonico per raccontare la difficoltà dei giovani oggi nel comunicare e nell’esternare i propri sentimenti: hanno tutti i mezzi ma li usano per nascondere quello che sentono.

Che tipo di ricerca ha dovuto affrontare durante la scrittura del suo libro?

Il progetto si riferisce a un tempio da ristrutturare e completare, ho dovuto fare una vera e propria ricerca sulle tecniche, sui materiali, sulla sicurezza in cantiere eccetera. Inoltre ho dovuto studiare il progetto dell’architetto del Tempio per raccontarlo e per presentare il mio “progetto” come coerente rispetto al suo e soprattutto come possibile (non essendo architetto…).

Come rende i suoi personaggi credibili?

Mi ispiro a soggetti che conosco, che mi sono familiari, pur non parlando di loro.

Al di là degli scrittori, esistono artisti figurativi, musicali o di altro tipo che hanno influenzato la sua scrittura? Chi sono e perché hanno esercitato un ascendente sulla tua scrittura?

I pittori impressionisti, in particolare Van Gogh, ho letto tutto quello che c’è su di lui, il suo tormento interiore, il suo disagio nel farsi accettare dalla società per quello che era, mi ha colpito molto. Anche alcuni testi musicali sono, per me, veri e propri documenti di studio (es. Tiziano Ferro).

Se fra duemila anni un archeologo fra vari reperti trovasse il suo libro, che cosa penserebbe, secondo lei?

Credo che apprezzerebbe la positività del racconto.Libro di Grazia Previato sulla Barcellona di Gaudì

Se potesse incontrare di persona uno scrittore o una scrittrice, chi sarebbe e perché?

Isabel Allende, Ammaniti, Mazzantini, Zafón, Falcones, sono solo alcuni degli scrittori che mi piacerebbe incontrare: mi piacciono i loro libri, la loro scrittura e i temi trattati tanto da sentire il bisogno di rileggere spesso i loro libri.

C’è stato un momento in cui ha detto basta alla lettura di libri?

No, ci sono periodi nei quali leggo meno perché il tempo per farlo è poco. Leggere è evadere e mi permette d’infilarmi nelle storie di altri senza subire conseguenze.

Come ha celebrato la sua prima pubblicazione?

L’ho semplicemente condivisa con le persone a me più care.

Se potesse vivere in un qualunque luogo del mondo in cui ha ambientato una sua storia, quale sarebbe, e quale storia le piacerebbe vivere?

Non ho un luogo particolare, mi piacciono tutte le storie che mi regalano emozioni e mi spronano a curiosare, fare, andare, sperimentare.

Quali sono state le principali difficoltà e soddisfazioni nel percorso che l’ha portata a pubblicare un libro?

L’unica grande difficoltà è incontrare un editore che abbia voglia d’investire su di te, la tendenza oggi è quella di considerare il manoscritto (e indirettamente anche l’autore) solo come oggetto che produce denaro. Le soddisfazioni le ho avute dalle presentazioni: ognuna diversa e tutte occasioni d’arricchimento. Poterti raccontare pubblicamente è una vera gioia. Dal confronto, dal dialogo con altri escono spunti e idee.

Prima e durante la scrittura segue abitudini o rituali propiziatori particolari?

No, smetto solo di leggere libri di altri.

Presentazione di un romanzoHa altri libri nel cassetto o progetti in fase di stesura?

Sì, un manoscritto già pronto e un terzo in stesura.

In base a quali criteri sceglie le ambientazioni dei suoi romanzi?

La struttura del romanzo e i contenuti che desidero raccontare mi portano a scegliere il luogo.

Che cos’è per lei la scrittura?

È evasione “terapeutica” nel senso che mi permette di estraniarmi e mi fa stare bene.



Lascia un commento

Quanto fa 8 + 3 ?
Please leave these two fields as-is:
Per procedere ti chiediamo di rispondere a questa domanda di matematica, così sappiamo che sei un essere senziente...


Hide me
Iscriviti alla Newsletter e ottieni il 10% di sconto sui servizi editoriali!
Indirizzo email: Tua email dove inviare la newsletter (max 2 invii mensili).
Ai sensi del d.lgs. 196/2003: a) titolare del trattamento è Bozze Rapide di Beniamino Soressi, 29027 Podenzano (PC), Via Zanaboni 12 b) responsabile del trattamento è Beniamino Soressi (stesso indirizzo) c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) solo da incaricati autorizzati, e solo per inviare la newsletter e informazioni sulle iniziative del Titolare; d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta; e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.
Privacy Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)
Show me
Build an optin email list in WordPress [Free Software]