• 6907.jpg

    L'amore a vent'anni

  • ericas avatar
  • Quando esci da una storia seria,lunga, con un mutuo cointestato è sempre un casino, soprattutto se il tuo ex è lobotizzato
    dai pensieri della mamma e dei nonni... Ma si va avanti, si prosegue la vita, quella vita che ti è stata donata, che non
    hai scelto, ma che sei obbligata ad affrontare sempre a testa alta, senza un padre, con una madre in vita ma con mancanza
    di presenza...Sola al mondo.


    Maggio 2009, una giornata come tante altre, sta finendo il secondo turno in fabbrica, quel lavoro che mi si è presentato
    all'età di 18 anni dopo aver abbandonato gli studi all'ultimo anno di superiori per mancanza di stima in me stessa e
    senza nessuno al mio fianco che mi desse un appoggio emotivo.
    L'aria è primaverile, io e la mia amica ci dirigiamo verso casa e ci fermiamo a chiacchierare per strada, di un ragazzo
    con cui mi sto vedendo in questo periodo,un ragazzo più grande di me di 12 anni.. Un uomo. Un uomo che fa della sua vita
    la libertà assoluta, che non è tenuto a dare spiegazioni a nessuno di quello che fa, un uomo che mi ha appena mentito
    dicendo che stava tornando a casa mentre invece pochi minuti dopo ci sfreccia davanti dirigendosi verso la città.
    A questo punto, con la rabbia per la bugia, la voglia di verità e la spensieratezza di due ragazze poco più che
    ventenni, cosa possiamo fare se non iniziare un pedinamento automobilistico?
    Iniziamo a seguirlo tenendoci a distanza per far sì che non ci noti, sapendo che poteva riconoscere l'auto, ma dopo
    una mezz'oretta di strada lo perdiamo per colpa di un semaforo nella grande e affascinante Torino notturna. A questo punto
    ci guardiamo e con il disgusto per l'ennesima bugia ci chiediamo cosa avremmo potuto fare... Eravamo le padrone della
    serata, ancora lunga, e non pensavamo nemmeno nell'anticamera del cervello a ciò che ci stava per attendere...L'Amore,
    quello disperato, romantico, impossibile, con la A maiuscola, l'amore che ci avrebbe condizionato la vita in un modo o
    nell'altro, un amore che per la mia amica era finito, anzi, si era messo in pausa, pochi mesi prima, mentre per me, bhè
    per me, doveva ancora iniziare...


    "Che fai?" "Sono al bar con mio cugino,tu?" "Sono a Torino con M. che facciamo un giro... Se passo a salutarti?"
    "Ok... Troviamoci sotto casa di mio cugino, M. sa dov'è... Dimmi quando arrivate"
    E. è l'ex ragazzo della mia amica, ma non li chiamerei "ex", per me loro sono IL VERO AMORE, quell'amore che si è
    frantumato per colpa dei genitori di lui, per colpa dell'inesperienza nella vita, della debolezza momentanea, del
    dover scegliere tra la ragazza e i propri genitori, quella scelta che credo non debba mai esistere per nessuno, perchè
    io credo che quando si mette al mondo una creatura, si mette al mondo l'unione dell'amore, e, perciò, si dovrebbe dare
    addirittura la vita per la felicità di un figlio, non cercare di distruggerla pensando di dover decidere per lui.

    "Arrivate" ed ecco avvicinarsi un'Alfa 147 grigia, con i finestrini abbassati e da dove escono parole di Vasco e le sue
    poesie musicate. Scende dalla macchina Lui, L., un mio collega con cui ho legato tantissimo che... Niente al caso è il
    cugino di E., iniziamo a parlare del più e del meno tutti e tre, ovviamente anche di E., fino a quando la mia amica M.
    torna in auto e restiamo solo io e L., che sorridendo mi chiede:"Posso abbracciarti?" Io, che non aspettavo altro, mi
    butto tra le sue braccia, quelle braccia che mi hanno abbracciata e stretta a sè tante e tante volte, quell'abbraccio
    che mi faceva dire dentro di me "Ecco, finalmente sono a casa"
    Inaspettatamente, dopo un lungo abbraccio che per me poteva benissimo durare in eterno, L. mi guarda e... Mi bacia, mi
    bacia come nei classici film d'amore, come in una fiaba letta e sognata mille volte, mi bacia con una dolcezza che quasi
    ancora oggi non riesco a credere e mai dimenticherò nella mia vita, quel bacio e quelle emozioni da "farfalle nello
    stomaco" che tutte le ragazze sognatrici e pazze come me, cercano e sognano da sempre ma sanno che non lo troveranno mai.
    E invece ecco, nella mia vita buia e insignificante, finalmente mi si è aperto davanti un gigantesco arcobaleno di
    emozioni pure. L'Amore è arrivato.

    • share L'amore a vent'anni to delicious
    • tweet L'amore a vent'anni
    • share L'amore a vent'anni to facebook
    • stumble L'amore a vent'anni
    • digg L'amore a vent'anni
    • add L'amore a vent'anni to mixx
    • add L'amore a vent'anni to reddit
    • add L'amore a vent'anni to yahoo buzz
    • share L'amore a vent'anni to google bookmarks
Valid XHTML  •  Valid CSS  •